martedì 10 maggio 2016

Il motivo

per cui  mi sono auto-proibita di avvicinarmi a Milano è che nolente o volente ogni volta ci lascio il cuore.

Ma dovevo tornarci, era solo un giorno, un solo fottuto giorno per le mie amate vie, per ri-sentirmi una piccola formica che nemmeno esiste, si può essere solo nulla in una città cosi grande. Nessuno mi vede, e io riprendo a respirare.
Solo un giorno dicevo, per una mostra, un caffè con illa, dovevamo dirci troppe cose.

Riprendo certe vie, wagner quanto mi sei mancato... e niente.
Lo vedo.
Ma non può essere lui, cazzo.
Si si è lui.
Accompagnato.
I suoi soliti capelli neri con qualche filo bianco.
I suoi soliti occhi innamorati che guardano, che la guardano, si gira e ovviamente- mi vede.
Dopo tre anni, eccoci, sconosciuti.  E ovviamente ci volteremo dall'altra parte.
Dopo esserci leccati pure il buco del culo.
Sconosciuti che si sfiorano mentre calpestano le strisce pedonali e guardano altrove.
*fischietto*



Non c'è niente da fare, io a Milano non ci devo andare. *fischietto*

28 commenti:

  1. Forse è presto, per non voltarsi dall'altra parte. Forse è necessario, guardare altrove. Forse non lo so, eppure questa è un'immagine, una triste immagine, che ho vissuto anche io. E fa tanto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace sia arrivata triste, a me ha stupito, tanto.
      Come dice una persona molto cara: tutto passa, tutto.

      Elimina
  2. Credo che faccia male, anzi, lo so. Ma so anche che un "ciao!quanto tempo! Come va?" forzato e finto faccia altrettanto male. E allora, forse, ê stato meglio evitarsi e non prolungare l'agonia.

    Baccciotti :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, nessun male, mi stupisce come il tempo cambia tutto.

      Smacckette

      Elimina
  3. Peccato, Milano è così bella...
    Ma penso che tu sia in grado di andare avanti a testa alta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, alla fine ci torno sempre ;-)

      Elimina
  4. Fu il tuo fidanzato? o il tuo "padrone/maestro"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai creduto ai "maestri" tanto meno nel letto, e il termine padrone mi fa rabbrividire. Comunque è stato Lui, importante, sotto tutti i punti di vista.

      Elimina
    2. Ignoro come si dice, lui era lui :-)

      Elimina
  5. "si può essere solo nulla in una città cosi grande" ed uno dei motivi per cui amo le grandi città io lo chiamo "l'anonimato della grande città" :)

    RispondiElimina
  6. Dolcezza, ma sai che anch'io a Milano ogni volta ci lascio un pezzo di cuore? Ma pare che per ora nel mio destino ci sia il Colosseo, più che il Duomo.

    Ci incontriamo lì, appena si può?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma molto molto volentieri, appena si può si :-)

      Elimina
  7. Da un certo punto di vista mi terrorizza l'idea mentre da un altro mi incuriosisce.
    Ognuno ha persone con le quali ha cambiato i rapporti, è ovvio e naturale e mi chiedo davvero come reagirei. O meglio, me lo chiedo solo fino a quando non lo scopro e prima o poi, in genere, capita di scoprirlo in questo piccolo piccolo mondo.

    RispondiElimina
  8. Certo che tutto hai descritto tranne che un rapporto basato su "tinte estreme". Quindi che cosa eravate? Comunque non era facile beccarlo. Non è che sei andato a cercarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era mia intenzione descrivere un rapporto su tinte estreme, difatti.

      No, camminavo a caso.

      Elimina
  9. ho il timore e la certezza che avrei gli stessi pensieri e per questo ne resto lontano ma un giorno dovrò ripassarci .. milano un bacio e poi il ghiaccio, milano sguardo distratto, il cielo è un foglio di rame, milano e le labbra cucite al contrario, milano ed una pellicola che gira a fuoco ... fischiettare, chiudere gli occhi, dimenticare, sentirsi altrove ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento me lo salvo.
      Esatto, chiudere gli occhi essere altrove.

      Elimina
  10. Non credo molto al caso; non si può pensare a tutto quello che ci succede ma se qualcosa ci ha toccato è inevitabile farlo. Come mai proprio adesso è tornato dal passato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda nemmeno io ci credo, eppure l'ho beccato dopo anni. C'est la vie.

      Elimina
  11. In tutta Milano... che sfiga.

    RispondiElimina
  12. oppure devi semplicemente cambiare zona ;-)

    RispondiElimina

Si io ti leggerò e-forse-risponderò;-forse eh?. Con affetto.

P.s. non sono interessata ad acchiappare followers e/o commenti, "passi da me? io passo da te e cincin, beviamo un caffé" non me ne fotte nulla di questi giochini spammosi, passo dove mi pare e quando mi pare.
Ma sopratutto non sono qui per convincere tizio e caio a cambiare idea e viceversa. Il gioco del io sono meglio-tu un cretino l'ho boicottato alle elementari. Baci volanti