lunedì 6 giugno 2016

E anche oggi

non mi sono svegliata  con il corpo di Amanda Lear, a canticchiare con le sue movenze.
Uffa